Verde d’Irlanda nel mondo: i Fabulous Beast conquistano Roma con “Rian”

Le ricette di Mazzufunchef: Risotto all’arancia, taleggio e marmellata di cipolle rosse
11 Febbraio 2014
Il Cantico di Pietra Seconda estasi
13 Febbraio 2014

Verde d’Irlanda nel mondo: i Fabulous Beast conquistano Roma con “Rian”

Equilibrio 2014: coinvolgente performance dell’ensemble irlandese all’Auditorium Parco della Musica.

Rian_16

Si colora di verde il palcoscenico di Equilibrio 2014, tra poliedrici musicisti d’Irlanda e leggiadri danzatori dal mondo. Vince stavolta con carte irlandesi, il miglior festival contemporaneo dell’anno, trascinando la Sala Petrassi in un meraviglioso collettivo delirio di spiriti allegri e anime in festa. E di nuovo scommette bene Monsieur le directeur Cherkaoui, sulla freschezza gestuale dei Fabulous Beast e sul calore musicale di Liam Ó Maonlaí, per uno spettacolo affascinante di incontri e contrasti, tradizioni e mescolanza, appartenenza e multiculturalità.

Sperimentatore di inediti intrecci culturali e autore di rivisitazioni drammaturgiche inconsuete, l’ensemble eccellente dei Fabulous Beast è il ritratto migliore del nuovo teatro danza d’occidente. Già creatore di una nera Giselle (2003) dai più oscuri villaggi di alienazione e follia, il direttore e coreografo del gruppo Michael Keegan-Dolan abbandona stavolta toni sinistri e sacrifici rituali (The Rite of Spring, 2009) per concedersi in Rian (2011) al soffio poetico e persistente della nuova musica irlandese.

È un abbraccio di colore e dolcezza il verde del linoleum sul palco e del semicerchio rialzato di sedie e strumenti. Sarà immediata l’immersione nelle profondità dei canti di Ó Maonlaí, stravagante polistrumentista dal guizzo geniale, prima membro della famosa band irlandese Hothouse Flowers e poi compositore e solista, nel 2005, dell’album Rian. Circondati, inseguiti e persino imitati dai cinque eclettici musicisti di Liam, gli otto danzatori Fabulous Beast scioglieranno in gesto ogni nota e ne restituiranno al cielo ogni senso. Abiti e camicie leggere su antiche bretelle e cardigan verdi perfettamente contrasteranno la danza nuda e moderna di giovani gambe di oggi, in un incontro spontaneo ed attuale di generazioni lontane ma affini.

Scivolano sulle tradizioni di una nazione, gli otto danzatori di ogni parte del mondo, ripercorrendo le strade di un percorso comune e ritrovandovi la storia di ogni popolo e luogo. E sono frasi in movimento le sequenze codificate da Keegan-Dolan, in un continuo, ipnotico susseguirsi di onde e spirali dinamiche; scie di gesti che richiamano canoni e pedinamenti coreografici, creando nell’aria tracce evanescenti di storie ripetute e dimenticate (rian, in lingua irlandese, vuol dire appunto “traccia, segno”).

Non ha nessuna paura, Keegan-Dolan, di reiterare il segno, in quel che ci sembra la migliore rappresentazione possibile di un’ipnosi musicale senza scampo. E rischiano i Fabulous Beast su quel confine sottile tra la ripetizione che incanta e acquieta e la replica che stordisce e annoia, giocando abilmente con il disorientamento di un pubblico rapito dal cerchio. Tutto lo spettacolo è sapientemente orientato all’esplosione finale di un sentimento di gioia: dissimulato dai ballerini nel proprio scambio ininterrotto d’aria e d’energia, consegnato infine ad un pubblico sorpreso in piena libertà e fantasia d’espressione, il sentimento sarà meravigliosa catarsi collettiva e improvvisato “spettacolo nello spettacolo”.

Pubblico in scena dunque ad Equilibrio 2014, in coda ai bis già concessi di pianoforti, arpe e  cornamuse, tutti a seguire il gesto di Keegan-Dolan, a lasciarsi guidare dai ballerini Fabulous Beast, a fare da accompagnamento vocale all’instancabile Ó Maonlaí (capace persino di performance coreografiche di entusiasmante verve). Non può non giocare a favore dello spettacolo il coinvolgimento spontaneo e omogeneo dell’intera platea romana dell’Auditorium. Ma anche tornando alla sobria obiettività del giudizio, non troviamo difetti in Rian, gioiello di eleganza e leggerezza d’Irlanda, al di là di brevissimi momenti di stanchezza nei raccordi tra i pezzi più ritmati.

Scheda spettacolo: http://www.auditorium.com/eventi/5686636

Prossimi appuntamenti Equilibrio 2014: http://www.auditorium.com/eventi/festival/5613156

Comments on Facebook

Comments are closed.