Il Cantico di Pietra Prima estasi

Poppy seeds Lemon Cheesecake
6 Febbraio 2014
“生长genesis” : nascita e morte per Yabin Wang e Sidi Larbi Cherkaoui
6 Febbraio 2014

Il Cantico di Pietra Prima estasi

 

prima estasi

Stanotte celebreremo.
Brinderemo alle nostre perdite, mentre l’ultima speranza scende abbandonata, sfregiando il tuo mascara.
E la bellezza greve suonerà l’anestesia, mentre l’ultima speranza brucerà patetica oltre le mie palpebre.
E celebreremo il crepuscolo, le persone che potevamo diventare.
Violentandole ancora, e ancora, e ancora, fino a consumarci l’anima.
Alzeremo i bicchieri ai giganti che eravamo, e ci stringeremo incapaci d’immaginare l’alba. Qualsiasi.
(Salta una canzone su calde folate d’aria che si schiantano, immacolate, nel freddo limato.)
E’ questa la verità? E’ questo il nostro limite?
E pregheremo per un dolore.
Pregheremo la prima anima che cadrà, mentre abbandonati su vecchi sofà vediamo il mondo scorrere, come un oceano spaventato dalla propria infinitezza, incapace di prendersi.
E ci domanderemo cosa abbiamo perso, coprendoci con palmi sporchi in cerca di un vuoto.
E ci domanderemo se ci siamo fatti sentire, o se rimaniamo l’eco perso di una seriale nostalgia; se sono nostri i pensieri.
E ci domanderemo del nostro amore. E ci stringeremo, perché è il solo modo per dimenticarci della rovina che infuria
Ci chiuderemo gli occhi a vicenda. Bacerò il tuo mascara. Bacerai le mie palpebre. Un confine inviolabile.
E saremo un nome. Non sogneremo che noi, fino al prossimo incubo.
E non potremo che farci male, meravigliosamente, ostinati.
Chiedendoci se il bene, alla fine,
sia mai servito per sopravvivere. A qualcosa.
Perché tristi sono le canzoni che serbiamo nei nascondigli sospesi
tra le notti.
E qui si fermano i nostri passi, le nostre catene, la foga di sfiorarci a vicenda,
per comprendere quel suono signore d’ogni silenzio.
Stanotte danzeremo.
E il sole non ci troverà.
Non ancora.

Comments on Facebook
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi generalmente esperisce in forma sfusa ma, quando osa concentrarsi, scrive, pontifica, analizza. Oggetto dei suoi voli radicati arte, videogiochi, cultura e dis-società, egemonie, ludus e non eventuali. E’ persino dottore di ricerca in Sociologia, giusto per dare un inquadramento serio e serioso al suo profilo e per giustificare la sua tendenza a scarnificare l’anima collettiva. Il resto della storia, comunque, è anche affar vostro.

Comments are closed.