Two Mothers – Anne Fontaine

Orfani – I colori della fantascienza italiana
27 Ottobre 2013
Sorprendente Balletto di Roma. “The Quartet” al Teatro Vascello
27 Ottobre 2013

Two Mothers – Anne Fontaine

Fontaine prende un racconto da premio Nobel e lo trasforme in un romanzetto rosa per signore colte. Fallimento per brave attrici.

two-mothersDoris Lessing è un premio Nobel. La sua sfortuna è di arrivare al grande pubblico grazie a Two Mothers, il pruriginoso adattamento che ne ha fatto Anne Fontaine sfruttando il fascino delle due protagoniste, Naomi Watts e Robin Wright. Che interpretano due amiche per la pelle che decidono di fidanzarsi l’una con il figlio dell’altra, con tutto ciò che ne conseguirà in termini psicologici e sociali.
Un dramma sommesso e patinato, scritto da Fontaine e da Christopher Hampton, che prende gli stantii dettami del cinema d’autore (qualcuno direbbe di qualità, con definizione che mette un po’ i brividi) europeo per farne un piccolo trattato sull’amore maturo: peccato che ne esca fuori un simil-Harmony senza passione, pensato ipocritamente per quelle signore troppe colte per dare un vero volto alla passione, per chiamare il sesso e il desiderio con il proprio nome. Fontaine dirige con distacco e freddezza inutili e inadeguate, la sceneggiatura affonda in dialoghi di spessore indegno di Lessing e le due attrici s’impegnano ma nemmeno troppe, anche se paragonate ai due manzi che si ritrovano come figli-fidanzati paiono due Judi Dench più belle.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.