MGMT – MGMT

X Factor 2013: il Talent dei Talent al via stasera su Sky Uno!
26 Settembre 2013
John Legend e il suo soul del futuro.
2 Ottobre 2013

MGMT – MGMT

Il 4° album dei MGMT gioca con il dream pop e la psichedelia sintetica, ma sembra un esercizio di stile un po’ facile.

mgmt-mgmtL’ormai agguerritissimo panorama della musica indipendente e alternativa alterna fenomeni folgoranti, che passano alle glorie dell’alta classifica, a delusioni cocenti che bruciano gli esordi. Gli MGMT, un tempo conosciuti come The Management, arrivano al 4° album, omonimo, e buon per loro fanno parte della prima categoria. Dopo il trionfo di Oracular Spectacular le quotazioni sono in crescita e i 10 brani di MGMT confermano l’attesa da parte dei fan: un disco che calca ancora più la mano su suoni e ritmi sintetici, melodie evasive ed eteree, voce lieve e atmosfere di contemporanea psichedelia.

Non fa praticamente un piega l’album, e i fedeli ascoltatori lo confermano, ma l’alternarsi tra dream pop, sintetizzatori, elettronica semplice e innocua con tocchi vintage sembra un gioco fin troppo facile, in tempi di Tame Impala e Alt-J. Reggono bene l’apertura fiabesca di Alien Days, I suoni tondi e cupi di Cool Song no.2, il pop che strizza l’occhio al folk di Introspection (forse il pezzo più bello) e l’andamento quadrato di Plenty of Girls in the Sea. Il resto però evapora nel mare di una musica alternativa che cerca i suoni o le tendenze, meno la compattezza delle idee compositive e musicali. Forse i MGMT cercano l’evanescenza, vedremo se saranno della stessa opinione quando l’amore del lunatico pubblico indie calerà.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.