Child of God Riporta James Franco Dietro la Macchina da Presa

Die Frau des Polizisten (Concorso) – Philip Groning
31 Agosto 2013
L’Oroscopo di Glo Previsioni Astrali dal 2 all’8 settembre 2013
1 Settembre 2013

Child of God Riporta James Franco Dietro la Macchina da Presa

James Franco dietro la macchina da presa convince a metà con il suo Child of God tratto dall’omonimo romanzo di Cormac McCarthy.

Solitudine, pietà, pazzia e isolamento, per il Lester Ballard di Scott Haze, che dipinge la parabola di un giovane emarginato privato degli affetti, della stabilità e equilibrio psico-fisico, che percorrerà  un tragico percorso di involuzione umana, sprofondando verso il limite dell’abiezione concessa ad un essere umano.

La mano registica di Franco, dimostra una maturità assente nei precedenti lavori, un rigore privo di quell’acerbo autocompiacimento estetico a cui ci aveva abituato.

Nonostante le premesse non è un opera pienamente riuscita, sebbene la vicenda di Lester, sia così cruda da non poter risultare indifferente, il film fatica a decollare, un ritmo troppo compassato dona una pesantezza ridondante soprattutto nella prima metà del film.

L’ostracismo civile di cui Lester Ballard risulta una faccia della medaglia quantomeno inconsueta e indagata con apprezzabile schiettezza in tutti i suoi gradini, figurati e non. James Franco scenograficamente  divide in tappe precise questa “catastrofe”, questo viaggio dal capanno della tenuta fino ai terrosi cunicoli sotterranei delle scene finali.

Sublime prova attoriale del giovane Scott Haze, che si muove con disinvoltura nel dramma di Ballard. Attraverso la sua capacità mimica, dipinge una fiera abbandonata a se stessa che dimentica la propria umanità, raggiungendo e superando la violenza delle belve.

Comments on Facebook
Valentino Cuzzeri
Valentino Cuzzeri
Appassionato delle potenzialità dei nuovi media e la loro scientifica misurabilità, intraprende una carriera accademica incentrata sul Digital World. Fermamente convinto che il web rappresenti la nuova frontiera nell’ambito della comunicazione e dei Brand, inizia la propria esperienza lavorativa collaborando come consulente con alcune delle più grandi agenzie di comunicazione e marketing non convenzionale.

Comments are closed.