Jessica Chastain illumina il Giffoni. Qualità ,preparazione e la ricetta della nonna per l’eterna giovinezza

“The best of Parsons Dance”. Il mondo meraviglioso di David Parsons a Roma
22 Luglio 2013
Il Cantico di Pietra Quarta Sinapsi
24 Luglio 2013

Jessica Chastain illumina il Giffoni. Qualità ,preparazione e la ricetta della nonna per l’eterna giovinezza

c.1

Bella, elegante, posata, educata : Jessica Chastain incanta i ragazzi del Giffoni Film Festival dove ha ritirato il Experience Award. La sua gentilezza e grazia sono disarmanti e “nonostante questo” la sua carriera è in grande ascesa. Terence Malick e Kathryn Bigelow sono giusto due dei registi che l’hanno fortemente voluta all’interno delle loro opere e di cui lei ha una stima profonda. L’attrice racconta aIla giuria del suo rapporto con il regista di The Tree Of Life basato su un continuo scambio di idee E’ il mio idolo, durante la lavorazione dei suoi film riesce a creare un mondo parallelo.Per tre mesi e mezzo il set era la nostra vita, non solo il nostro lavoro.”. Una continua ricerca professionale tra regista e attrice, o forse musa. Come quella volta che la invitò sul set del film To The Wonder in cui le affidò una parte per poi tagliarla e per cui lei , ovviamente, non se l’è presa : “Lui è una persona assolutamente favolosa, spirituale, lo adoro .In quel periodo stavo girando The Help, Malick mi ha chiamato e mi chiesto di andare a trovarlo sul set, lì mi ha fatto girare qualcosa, ma non era una parte scritta e programmata.” L’attrice quest’anno ha sfiorato l’Oscar per la seconda volta (nel 2011 era stata nominata per l’interpretazione della svampita Celia nel film The Help “La parte che mi sono divertita di più ad interpretare“), ma la sua interpretazione in Zero Dark Thirty le ha garantito Golden Globe e altri premi prestigiosi. “Non so quanti di voi abbiano visto il film Point Break della Bigleow, io ci sono cresciuta e ve lo consiglio,” racconta Jessica Chastain alle giovani giurie, “Quando ho trovato il messaggio di Kathryn Bigelow in segreteria ho dato di matto, ho iniziato ad urlare in macchina, non ci credevo. Le avrei detto di si a tutto. Poi quando ho richiamato ho fatto la seria e professionale, ma dentro facevo i salti di gioia. Credo che se Kathryn mi avesse vista in quel momento prima della telefonata non mi avrebbe assolutamente dato la parte della dura Maya!”. 

c2

Jessica Chastain è una di quelle attrici vecchio stampo, rare ad Hollywood, che si è fatta le ossa con la gavetta nel teatro: “Non abbandonerò mai il teatro, è il mio primo amore e mi piacerebbe tornarci.Magari in uno di quei piccoli teatri con venti spettatori in cui sembra di stare nel salotto di casa. Non cercavo e non cerco la fama o i soldi. Per me recitare è sempre stato un modo di esplorare quest’arte e riuscire a lavorare con grandi del cinema. Prendo ispirazione  da persone come Malick o Vanessa Redgrave ed è ciò che più mi rende più felice. racconta l’attrice che sceglie i suoi progetti in modo atipico. “I miei agenti non sono sempre felici delle mie scelte, come il mio prossimo film Miss Julie tratto da una tragedia di Strindberg. Io non scelgo il filmone, sicuro blockbuster: io cerco la qualità, per una crescita professionale e personale.” Tra gli altri progetti in cantiere, oltre a Miss Julie ci sono The Disapperance of Eleonor Rigby,doppio film interpretato insieme a James McAvoy in cui verrà raccontata la storia sia dal punto di vista femminile che maschile e Interstellar di Christofer Nolan per cui ha fatto solo le prove trucco e dice che “è ancora tutto top-secret”. 

Alla base del suo successo c’è tanta preparazione (l’attrice ha studiato alla Julliard e ha ammesso che nel futuro le piacerebbe tornarci come insegnante), ed è proprio questo che consiglia alla giuria : “La fortuna gira per tutti.

Prima o poi ognuno di noi ha il proprio momento. L’importante è essere preparati,se no lo si spreca. Quindi studiate, siate curiosi, informatevi. Non vi fate cogliere impreparati.” Infine con l’aiuto della nonna ,seduta in prima fila, svela il segreto per essere Forever Young tema del Festival di quest’anno : “Sorridere, ridere e amare sempre!”.

Articolo e foto di Serena Concato

Comments on Facebook

Comments are closed.