Renzo Rubino per Four Magazine, al via il Poppins Tour.

Andrea Nardinocchi e Giuliano Sangiorgi per Generazione XL!
27 Maggio 2013
My Bloody Valentine in concerto
29 Maggio 2013

Renzo Rubino per Four Magazine, al via il Poppins Tour.

Renzo-Rubino-656x488

Ce lo ricordiamo bene lui, Renzo Rubino (all’anagrafe Oronzo Rubino), classe ’88, mentre calcava il palco dell’Ariston al Festival di Sanremo di quest’anno. Proponeva un brano intelligente, semplice, efficace: Il Postino (Amami Uomo), brano che propone l’amore tra due uomini. Non si spaventa per niente: “non penso che ci sia nulla su cui rivolgere il proprio stupore o la propria attenzione; l’amore tra due persone dello stesso sesso non merita attenzioni mediatiche o scandali”, ci dice, alludendo a quanto, in Italia, il pensiero sia rimasto indietro rispetto ad alcune tematiche sociali.

Ci parla del singolo portato a Sanremo come di una scelta ben precisa; “Nella vita sono abbastanza drastico, come da piccolo a scuola: o volevo prendere 3 o volevo prendere 10. Mi accontentavo di entrambe i voti, per carità, ma il 3 mi entusiasmava comunque; a Sanremo, ero indeciso su quale canzone portare. Così ho scelto un brano che avesse un testo semplice, anzi un brano semplice di per sé. E penso di essere riuscito nel mio intento, il brano è stato accolto bene”. Una carriera tutta in salita per il cantante tarantino, che fin da giovane si mostra interessato allo spettacolo ed alla musica. “Ricordo chehmi iscrissi ad un corso di teatro”, ci dice Renzo; “lo feci solo perché ti permetteva di non frequentare le lezioni. Poi però iniziai ad appassionarmi sul serio, imparai a suonare il piano ed iniziai a scrivere i miei primi brani”.

Tutto nato come un gioco quindi, ed evolutosi in quello che poi abbiamo visto essere un successo. Il Postino (Amami Uomo), ha infatti vinto il premio della critica Mia Martini. Al via dal 16 maggio il Poppins Tour, nome assegnato anche al suo album dopo Sanremo, che include anche l’inedito che ha concorso al Festival e Pop, singolo in rotazione radiofonica, estratto per la promozione dell’album. “È un album gotico, malinconico, ricorda un po’ un film di Tim Burton per certi versi”: Renzo descrive così il suo lavoro in studio, definendolo inoltre originale e non troppo complicato. E per il futuro? Ancora ignoti i nomi di alcuni artisti italiani che collaboreranno con Renzo per i suoi progetti futuri; ma stando alle nostre aspettative, il successo è assicurato.

Comments on Facebook
Gabriele Palella
Gabriele Palella
Milanese, giovane ma già competente in quella che è la sua più grande passione: la musica. Milano. Lavora, compone e produce brani, scrive e partecipa a numerosi e diversi eventi a Milano e dintorni. Di sé dice: "credo in quello che faccio, spinto dalla bellezza e dalla forza della musica che unisce, crea, intrattiene ma, soprattutto, insegna. Io ci credo a questa forza...e voi, in cosa credete?"

Comments are closed.