Velvet, con La razionalità tornano a scaldare i palchi

Concerto del 1° maggio 2013, spazi e frontiere per sconfiggere la crisi
28 Aprile 2013
Ellie Goulding a Milano per il suo Halcyon Tour
30 Aprile 2013

Velvet, con La razionalità tornano a scaldare i palchi

Freschi di nuovo EP, i Velvet ripartono in tour per affrontare una nuova avventura musicale

Velvet-La-Razionalità-500x500Si sono fatti attendere un po’ i Velvet, soprattutto per ripensarsi dopo il successo schiacciante di Versomarte e Cose comuni, che pur risalenti a 11/12 anni fa hanno fin troppo segnato  la progressione del gruppo. Che dopo Nella lista delle cattive abitudini (2009) e un best ridisegnato in chiavo synth-pop (Le cose cambiano, 2010), tornano con un nuovo EP, La razionalità che rilancia la carriera del gruppo sempre più dedito a sonorità elettroniche, tra i Subsonica che li hanno accuditi negli anni dello smarrimento e la corrente inglese degli ultimi anni.

E con questo mini album di 5 tracce, lanciato proprio dalla title-track, parte anche il tour dei Velvet, da Roma, dal Lanificio 159. Un concerto che oltre a tessere ancora i fili tra la band e il suo pubblico, segna una scelta più vicina a un sentimento rivisto del rock e della musica contemporanea, club, luoghi piccoli, stretta vicinanza con le persone, per far deflagrare il loro nuovo muro di suono, fatto di sintetizzatori, ritmiche, malinconie new wave. Aprono con un nuovo brano, Evoluzione, collage di frasi celebri e meno sulla politica, in scia incazzatura grillina e suono fin troppo corposo: il resto del concerto segue la rilettura elettronica fatta dal best of, con l’amalgama di rock e bassi onnipresenti a scandire anche i pezzi più noti come Dovevo dirti molte cose (forse il loro capolavoro), Nascosto dietro un vetro, I nuovi emergenti.

A puntellarlo, i brani del nuovo disco: se il singolo e brano d’apertura La razionalità rende evidente il punto d’incontro tra l’attitudine dance rock e la vena intimista, il meglio viene con le scelte più meditate. 100 corpi, insinuante come la voce di Pier, Le case d’inverno, nostalgia venata di malessere scritta da Luca Carboni, e I’ve Dreamt About Your Love, versione in inglese di 100 corpi pensata per il mercato internazionale, vera e propria frontiera del nuovo corso della band.

Tra un concerto in cui togliersi di dosso la ruggine a colpi di ritmo (soprattutto molto migliorati momenti in cui si occhieggia al post-punk, che tra chitarre come fruste e i sintetizzatori creano bei contrasti) e un disco che invece ha ancora qualche tappa da bruciare, i Velvet mostrano il meglio nella veste da palco. Ma sanno anche mostrare ai propri fan che il percorso successivo (nuovo album? un altro ep?) può dare più di una soddisfazione.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.