Il Cantico di Pietra – Asfalto 1

Namco Bandai lancia TEKKEN CARD TOURNAMENT
19 Marzo 2013
The Walking Dead: Survival Instinct nei negozi da oggi
22 Marzo 2013

Il Cantico di Pietra – Asfalto 1

Il Cantico di Pietra – Asfalto 1

pixelmasterpiece

Grattacieli levigati d’artigli di nubi e narici che spuntano da funghi ingioiellati e tappeti di milioni di fibre metalliche. Parassiti danzanti in anfiteatri modellati dal pigro e colossale sbuffo delle rotazioni. E coni di nitido festeggiano tra lame di arancio; un arancio cobalto, che le figure rifuggono formicolando tra gli anfratti che butterano il terreno, alla ricerca d’una risposta, una nuova gerarchia, un fresco e identico presente.

Si alza. Grano abbronzato, lontano dal corso. Oltre la prima linea di vita colline di pelle, tirate da uncini attaccati a stormi di uccelli in cancrena. Schizzo di vernice scaduta.

Intanto, colori freddi alle estremità sottolineano una striscia di caldo che serpeggia indifferente, e inutile.

Pietrifica gli avambracci, ondula la spalle nella enorme casacca che lo riveste come un intimo teatro che da sull’oceano.

S’incammina.

Diverso è mutato, come muta una diversa contrada a eguale messia. Un corpulento albero sorregge il tramonto, linee ortogonali gettate a creare ragnatele di speranza, illusione d’eterno prima della fine. Eppur la notte inciampa rovinosamente tra i suoi passi, rumorosa.

Dietro, davanti sopra e ai lati, un’ombra chiara, accecante, lo insegue senza proferir verbo, aura gettata a rete, rete raccolta a sciolta mente. Ella lo incalza, lo stuzzica ma non potendo vantare successo, un bimbo che si corrode dal pianto nello schiaffeggiare l’impassibile.

-Perché la fai soffrire?-, chiede il Niente, mosso dalla pena.

-Perché deve imparare a urlare.- uno spiraglio oscuro tenta l’ombra candida, ma non ne esce niente.

-E non ci sta forse provando, ora?-

-Provare è bene; ma adesso imperativo è riuscire: l’urlo è consapevole in ogni sua nota.-

-E il grido?- chiede Malinconia –con una buona interpretazione potrebbe soppiantare il tuo amato Urlo…-

-Il grido è codardia…una presentazione. –

Getta un mozzicone di sigaretta nel niente. Sfrigolio. Fontana opulenta di fili madidi.

-Non c’è tempo per le presentazioni.-

La tiene tra le dita, l’intervallo necessario per tastarne la consistenza, flebile ma indistruttibile.

-Lo capirà strada facendo.-

Le due entità si uniscono: -qui non vedo strade…-

-Facendo, ho detto.-

Comments on Facebook
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi
Enrico Gandolfi generalmente esperisce in forma sfusa ma, quando osa concentrarsi, scrive, pontifica, analizza. Oggetto dei suoi voli radicati arte, videogiochi, cultura e dis-società, egemonie, ludus e non eventuali. E’ persino dottore di ricerca in Sociologia, giusto per dare un inquadramento serio e serioso al suo profilo e per giustificare la sua tendenza a scarnificare l’anima collettiva. Il resto della storia, comunque, è anche affar vostro.

Comments are closed.