Steve Harris – British Lion

Grammys 2013: Black Keys, Fun e Mumford&Sons sbancano gli Oscar della Musica.
11 Febbraio 2013
True North – Bad Religion
18 Febbraio 2013

Il Rock Britannico e il Suo Alfiere, Steve Harris, in un Debutto Quasi Gustoso

Steve_Harris_-_British_LionDopo più di 30 anni passati in giro per il mondo a mostrare il cuore pulsante dell’heavy metal con gli Iron Maiden, Steve Harris debutta da solista con i British Lion, il cui album omonimo permette al grande bassista di prendere un gruppo emergente e attraverso canzoni dal gusto più mainstream e radiofonico di farsi conoscere anche dai metallari più smaliziati, al contrario di quanto accade dai primi anni ’90, quando Harris divenne mentore della band.

Il passo decisivo il bassista lo compie nel settembre dell’anno scorso, quando l’album esce e mostra le carte di questo progetto parallelo, che ricordano le stesse carte che Bruce Dickinson ha giocato nei suoi dischi da solista: apertura al rock e alle sfumature del genere, meno granito, più melodia. Ma se Dickinson poteva vantare collaboratori e compositori di pregio, British Lion pare più la scampagnata musicale di un gruppo di amici riunite per fare del rock, sano, vecchio stile, che guarda all’hard e agli anni ’70 con dosi di AOR e trovate che non tralasciano la New Wave del metal inglese di cui i Maiden sono stati alfieri.

Aperto dai suoni placidi e un po’ semplicistici di This Is My God (sorretta proprio dal basso di Harris), British Lion raccoglie 10 canzoni che aprono alle classifiche rock senza troppi fronzoli, ma anche senza eccessive aspettative: le chitarre acide di David Hawkins e Graham Leslie costeggiano Karma Killer, la ritmica quadrata di The Chosen Ones ha il sapore dell’inno, l’andamento sinuoso di Judas che contrasta con l’attacco maideniano di Us Against the World, i richiami addirittura a Brian Adams in Eyes of the Young ne fanno un album spensierato, suonato con gioia.

Ma che in un certo senso stenta ad arrivare al professionismo: non perché Harris e soci non sappiano suonare (anche se il cantante Richard Taylor solleva più di un dubbio), ma perché la produzione dello stesso Harris con Taylor e Hawkins tende a sottolineare la natura quasi scherzosa di composizioni grezze e non sempre efficaci. E lascia l’effetto di un concerto di giovani promosse in cui sotto il carbone intuiamo il diamante. Solo che qui, per via della luce di Harris, è il carbone a oscurare la brillantezza.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.