The Impossible

Il Cantico di Pietra – Limbo 3
30 Gennaio 2013
Looper
Looper – Gordon Levitt, Bruce Willis, Emily Blunt e una rana!
1 Febbraio 2013

The Impossible

the-impossible

Film spagnolo, scritto da Sergio G. Sánchez e diretto da JA Bayona, il responsabile del team che ha diretto l’horror spagnolo The Orphanage, The Impossible è un resoconto attentamente studiato dell’esperienza di una famiglia durante lo tsunami che ha colpito il sud-est asiatico il giorno di Santo Stefano nel 2004 e che ha preso la vita a più di 250.000 persone.

Henry Bennett (Ewan McGregor), un uomo d’affari britannico che lavora in Giappone, sua moglie Maria (Naomi Watts), un medico temporaneamente ritirato dalla pratica, ed i loro tre figli pre-teen stanno passando le loro vacanze di Natale in un resort di lusso thailandese.

Dalle scene familiari alla spettacolare/viscerale ri-creazione della gigantesca onda e le sue conseguenze orrende che separeranno i Bennetts, Maria nell’entroterra insieme a suo figlio maggiore, Lucas (Tom Holland), e Henry vicino alla riva con i piccoli Thomas e Simon. Nessuna delle due parti sa che gli altri sono vivi, e il dolore della separazione è palpabile. Inseriamo nel calderone sensi di colpa, coraggio, nervi saldi, qualche bimbo in lacrime, Geraldine Chaplin e le stelle, e avremo un idea del film.

THE IMPOSSIBLE - NAOMI WATTS

NAOMI WATTS and TOM HOLLAND star in THE IMPOSSIBLE

Naomi Watts in grande spolvero, capace di far passare un ora abbondante di film come se fossero passati solo pochi minuti, i bambini commoventi e poco realisticamente maturi, Ewan McGregor che arranca, a causa dell’eccellenza artistica della Watts, e una originale regia che corre sul filo dell’horror come ritmo, suoni e l’ombra della morte incombente.

Il film è ben recitato, il trucco convincente e la messa in scena impeccabile, e turbolenta, fa immergere lo spettatore nell’esperienza dello tsunami, sfiorando, suo malgrado, marginalmente il contesto più ampio e le conseguenze umane che vengono ignorate.

Il film apre con una dichiarazione che dovrebbe giustificare questa superficialità narrativa, con un altisonante “questa è la storia vera di una famiglia“.  In effetti, la famiglia è reale, ed è stata ricreata un storia progettata per l’accettazione universale dell’opera. Diciamo che The Impossible risulta essere un buon film, che intrattiene, a tratti commuove e fa della messa in scena il fiore all’occhiello dello sviluppo del plot. Tutto il resto è Naomi Watts.

Comments on Facebook
Valentino Cuzzeri
Valentino Cuzzeri
Appassionato delle potenzialità dei nuovi media e la loro scientifica misurabilità, intraprende una carriera accademica incentrata sul Digital World. Fermamente convinto che il web rappresenti la nuova frontiera nell’ambito della comunicazione e dei Brand, inizia la propria esperienza lavorativa collaborando come consulente con alcune delle più grandi agenzie di comunicazione e marketing non convenzionale.

Comments are closed.