Biden avverte i produttori di videogiochi: attenzione all’opinione pubblica

Il Cantico di Pietra – Limbo 1
16 Gennaio 2013
STAR WARS 1313 di LucasArts su PS3 nel 2013
17 Gennaio 2013

Biden avverte i produttori di videogiochi: attenzione all’opinione pubblica

Biden avverte i produttori di videogiochi: attenzione all’opinione pubblica

VP-Joe-Biden

Interessante articolo quello apparso ieri su Gamasutra.com:

http://www.gamasutra.com/view/news/184816/Vice_President_Bidens_warning_to_the_video_game_industry.php#.UPa_CyezLTo in relazione alla riunione avutasi venerdì 11 gennaio 2012 fra il Vicepresidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, e i rappresentanti del settore videogiochi.

Formalmente si è trattato di una tavola rotonda, successiva ai pesanti episodi di violenza avvenuti nel recente passato in America, volti ad individuare cosa l’industria dei videogiochi potrebbe contribuire ad ottenere con una propria azione in merito alla riduzione della violenza legata alle armi nel Paese.

Quello che Gamasutra sottolinea è però come, leggendo tra le righe, si sia trattato più di una sorta di avvertimento lanciato da Biden ai rappresentanti dell’industria.

Fra le altre affermazioni, riportate al sito dal ricercatore Cheryl K. Olson, presente all’incontro, una in particolare salta all’occhio:

“Ha detto che anche se si ha una sentenza della Corte Suprema a favore… solo perché la si ha, non vuol dire che l’opinione pubblica sia dalla propria parte.”

Biden ha in programma di presentare una serie di proposte al Presidente Obama per ridurre la violenza armata nel paese, elaborate in seguito al massacro di scuola elementare del mese scorso a Newtown, Connecticut. L’incontro di venerdì con i rappresentanti di videogiochi del settore e ricercatori si è tenuto sulla coda di una serie di incontri e discussioni sulla violenza delle armi che il Vicepresidente ha avuto con i rappresentanti di diversi gruppi, tra cui tutori dell’ordine, educatori, organizzazioni per i diritti civili, i sostenitori della sicurezza delle armi da fuoco e anche l’industria cinematografica.

A detta di tutti non sembra che eventuali restrizioni sulle vendite di videogiochi siano parte di tale proposta. In effetti, lui e la sua task force sembra convinto che ci sia un legame tra videogiochi violenti e il comportamento violento e lo stesso Biden si è detto convinto che, anche qualora un qualche rapporto sussistesse, sarebbe d’influenza minoritaria sul problema reale della diffusione delle armi da fuoco negli USA.

È però di grande realismo la considerazione che l’opinione pubblica è una cosa potente, soprattutto in politica, e una grande parte della popolazione ignorante resta convinta che i giochi sono dannosi… L’avvertimento di Biden assume allora una valenza forte e specifica per lavorare in favore di una percezione più corretta del concetto di videogioco. Il primo fra tutti i miti che dovrebbero finalmente cadere è che si tratti di una forma d’intrattenimento ad uso esclusivo dei minori: riconoscere al videogioco lo status di medium a tutto tondo e maturo è il primo e fondamentale passo verso una regolamentazione non solo della vendita, ma soprattutto dell’uso del videogioco, affinché tutti, avendo maggiore consapevolezza, ne sappiano anche fruire senza paura ed eccessi.

Comments on Facebook
Roberto Semprebene
Roberto Semprebene
Appassionato di Cinema e Videogiochi, ha fatto delle sue passioni il proprio lavoro. Ci tiene tantissimo a precisare di essere nato in un giorno palindromo, cosa che probabilmente affascina e stupisce solo lui!

Comments are closed.