Star Wars The Old Republic si apre all’omosessualità

MILESTONE annuncia MOTOGP 13
14 Gennaio 2013
Il Cantico di Pietra – Limbo 1
16 Gennaio 2013

Star Wars The Old Republic si apre all’omosessualità

Star Wars The Old Republic si apre all’omosessualità

Star-Wars-The-Old-Republic

WILLIAMS (GAYMERX) eccitato per l’opzione STORIE CON PERSONAGGI DELLO STESSO SESSO IN STAR WARS The Old Republic; il passo successivo è un personaggio principale gay.

“Siamo entusiasti della possibilità per la possibilità di relazioni con personaggi dello stesso sesso in SWTOR”, Co-Fondatore e Direttore delle relazioni pubbliche a GaymerX (precedentemente noto come GaymerCon), Benjamin Williams, ha detto a Playnews commentando la prossima introduzione di romanticismo dello stesso sesso in Star Wars: The Old Republic, pubblicato da Electronic Arts.

“Come ha detto Ellen McLain, la voce di GLaDOS, nel suo video di supporto al nostro kickstarter ‘Siamo tutti esseri umani. Noi tutti vogliamo i nostri racconti’. EA Games è stato un leader nel settore dei videogiochi per i diritti omosessuali, i contenuti omosessuali nei loro giochi, e per l’aver pubblicamente sostenuto una maggiore diversità nella cultura dei videogiochi. Vedere questa ultima aggiunta al loro curriculum è davvero grandioso e mostra il processo di cambiamento che la cultura del videogioco sta subendo.

“Detto questo, dobbiamo anche pensare che è bello avere PCGamesN che si alza in piedi per dire che non basta, che ci dovrebbero essere più e migliori opzioni per personaggi omosessuali”, ha detto Williams, riferendosi a coloro che si lamentavano della decisione di EA di limitare la nuova opzione al pianeta Makeb nel gioco. “Non fa mai male avere persone che a gran voce chiedono la piena parità, la piena rappresentanza, ed esigerla adesso. Queste sono le voci che guidano il cambiamento, anche se non accade così velocemente come dovrebbe. Il loro appello per avere una rappresentazione non nega i passi che EA continua a fare, ma il loro appello è ancora necessario perché il cambiamento è spesso un processo, non un evento singolare.

“Il prossimo passo in tale processo potrebbe essere quella di allontanarsi dai giochi con le opzioni personalizzabili per omosessuali e puntare direttamente verso il fare un gioco con un personaggio principale gay”, ha aggiunto Williams. “Ci sono molte storie avvincenti sulle persone omosessuali che avrebbe reso grandi i personaggi e le trame. Raccontare queste storie, e non solo per dare ai giocatori la possibilità di avere rapporti omosessuali, sarebbe una mossa audace e un trionfo per l’arte dei videogiochi”.

Il ‘Rise of the Hutt Cartel’ espansione digitale che introdurrà l’amore omosessuale in SWOTR uscirà nella primavera del 2013.

Comments on Facebook

Comments are closed.