Roma 2012, Goltzius and the Pelican Company di Peter Greenaway

Roma 2012: Bullet to the Head di Walter Hill
15 Novembre 2012
L’Oroscopo di Glo dal 19 al 25 novembre 2012
19 Novembre 2012

Roma 2012, Goltzius and the Pelican Company di Peter Greenaway

Goltzius è un incisore del 16° secolo che raggiunge il successo con stampe e spettacoli erotici che il potente Margravio vuole censurare. Così cerca di convincere e sedurre il nobile attraverso una serie di rappresentazioni di argomento biblico, ma il potere e la libertà di costumi e pensiero non vanno a braccetto. Scritto dal regista Peter Greenaway, Goltzius and the Pelican Company è un classico gioco al massacro tipico del regista, dramma storico e riflessione estetica, satira ed erotismo, tragedia e vortice d’immagini.

Su un esplosivo impianto da videoarte estrema, poesia visiva mescolata al grand guignol pornografico che da sempre stuzzica l’immaginario di Greenaway, il film riflette sulla potenza dell’arte visiva, sulla sua forza sovversiva, ma anche sull’avidità umana di potere (inteso anche e non solo come ricchezza) e sesso e sulla forza della censura. Esplosione di stili e vortici visivi, tra scenografie di archeologia industriale e costumi d’epoca, umorismo sfacciato e violenza atroce su coltissime strutture visive (e musiche grandiose di Marco Robino), lezione di storia dell’arte e rivisitazione provocatoria della Bibbia. C’è tutto Greenaway e anche di più: ma Goltzius and the Pelican Company, che ha vinto il Mouse d’argento come miglior film delle altre sezioni, sembra anche un po’ svuotato d’intensità e forza rispetto alle sue migliori. Comunque ad averne.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.