Venezia 69 a Roma, Tango Libre di Frédéric Fonteyne

Metro 2033 – Le Radici del Cielo di Tullio Avoledo
24 Settembre 2012
Games Week: Senza sicurezza non si [video]gioca!
26 Settembre 2012

Venezia 69 a Roma, Tango Libre di Frédéric Fonteyne

Il Tango Libero di Fonteyne Vince a Orizzonti

Due amici in carcere per una rapina, la donna di una di loro che però è molto affezionata anche all’amico, un secondino che li vede durante le visite e il tango a legare tutto. Frédéric Fonteyne a 8 anni dal discreto La donna di Gilles torna al cinema con una commedia anomala scritta da Anne Paulicevich e Philippe Blasband che vira in chiave carceraria e lieve una tipico melodramma che potrebbe essere una storia da tangheri, come una versione meno radicale di Tangos di Solanas.

Il film racconta il riscatto di una vita attraverso l’amore per la forma estetica e per il gesto, usando la bellezza come principio ordinatore di vite disordinate, che però non diventa mai asservimento ma anzi, ribalta le forme di potere, qualunque potere esso sia, come nemiche dell'”arte”. Fonteyne rimescola gli stereotipi sessuali coi carcerati che danzano e i carcerieri che si affrontano a braccio di ferro, si lascia andare a sequenze travolgenti come quella del tango tra le sbarre e poi, anziché accelerare si trattiene quando dovrebbe erompere la passione. Ma pur con un finale da commedia che stride con la libertà narrativa precedente, Tango Libre funziona, diverte e appassiona, lasciando intravedere un senso al premio della giuria Orizzonti vinto all’ultima Mostra di Venezia.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.