Metro 2033 – Le Radici del Cielo di Tullio Avoledo

PROMETHEUS – Ridley Scott come Epimeteo!
24 Settembre 2012
Venezia 69 a Roma, Tango Libre di Frédéric Fonteyne
24 Settembre 2012

Metro 2033 – Le Radici del Cielo di Tullio Avoledo

Metro 2033 – Le Radici del Cielo di Tullio Avoledo

Metro 2033 è un universo narrativo creato dallo scrittore russo Dmitry Glukhovsky, ambientato in un futuro decisamente prossimo, in cui il mondo è stato vittima di una devastante guerra nucleare, le cui conseguenze sono immaginabili: la popolazione umana e animale è stata decimata, la superficie terrestre, a causa del fallot, è diventata un gigantesco cimitero, in cui i pericoli si nascondono dietro ogni angolo, nelle forme di vita mutate e generate dalla radioattività.

La peculiarità di questo contesto è che Glukhovsky ha voluto aprirlo ad altri scrittori, oltre che ad una serie di videogiochi, creando un universo in espansione, che annovera diverse storie, fra le quali Le Radici del Cielo di Tullio Avoledo è il primo romanzo scritto da un italiano e ambientato nel Bel Paese…o in quel che ne resta.

Mentre nel romanzo originale i sopravvissuti di Mosca si sono rifugiati nella metropolitana, a Roma la principale comunità, legata a quello che viene definito Neo Vaticano, si è nascosta nelle Catacombe di San Callisto. In tale rifugio Padre John Daniels viene incaricato di portare a termine una missione quasi suicida: dovrà recarsi a Venezia per rintracciarne il Patriarca, che alcuni informatori hanno detto essere sopravvissuto all’olocausto, e portarlo a Roma perché divenga il nuovo Papa.

Nell’impresa, Padre Daniels sarà accompagnato da una squadra di mercenari, insieme ai quali dovrà sopravvivere alle tante insidie che si celano in superficie, sotto lo strato di nubi e cenere che ha reso il cielo un nero sudario in cui il sole non rappresenta che un’ulteriore minaccia .

Il viaggio rappresenterà per Padre Daniels un’occasione per farsi molte domande sulla propria fede, e scoprire nel mondo post “Giorno della Tribolazione” la speranza di un futuro, anche se basato su principi e protagonisti diversi da quelli che si sarebbe potuto aspettare un uomo della “vecchia era”.

Avoledo si dimostra scrittore di grande spessore nel costruire una storia avvincente, ambientata in un contesto affascinante nella sua tragicità e popolato di protagonisti, antagonisti e personaggi secondari molto ben caratterizzati. A incuriosire più di tutto sono però le riflessioni sui massimi sistemi che lo scrittore inserisce nei dialoghi fra i personaggi, aprendo prospettive di ampio respiro e nient’affatto banali, immaginando sviluppi fantascientifici legati a poteri incredibili di cui dota alcune delle creature post-atomiche.

Il risultato è un solido romanzo di fantascienza con forti venature horror e un impianto “filosofico” degno di rispetto, caratteristiche che ne fanno, ad oggi, uno dei più bei romanzi legati al mondo della crossmedialità e un validissimo tassello del grande universo di Metro 2033.

Comments on Facebook
Roberto Semprebene
Roberto Semprebene
Appassionato di Cinema e Videogiochi, ha fatto delle sue passioni il proprio lavoro. Ci tiene tantissimo a precisare di essere nato in un giorno palindromo, cosa che probabilmente affascina e stupisce solo lui!

Comments are closed.