Venezia 69, Acciaio di Stefano Mordini

Vogue Fashion Night Out 2012
6 Settembre 2012
IL CANTICO DI PIETRA – SECONDA TERRA
7 Settembre 2012

Venezia 69, Acciaio di Stefano Mordini

Mordini Fallisce la Trasposizione del Bestseller di Avallone

Anna e Francesca sono due amiche talmente unite che spesso il loro rapporto sfiora il lato setimentale e sessuale. Attorno a loro si muovono due famiglie difficili e compicate. Sullo sfondo, la riviera toscana e la fabbrica, croce e delizia di ognuno degli abitanti. Stefano Mordini, documentarista al 2° film di finzione, ha la possibilità di fare il grande salto dirigendo, e scrivendo assieme a Giulia Calenda e Silvia Avallone, la trasposizione di uno dei più grandi successi letterari italiani degli ultimi anni, scritto proprio da Avallone; ma Acciaio (nelle Giornate degli Autori), nonostante il supporto dell’autrice, il film diventa un teen-story come un’altra che sembra non aver capito, e forse nemmeno letto, il libro di partenza.

Lungi da chi scrive proclamare il bisogno di fedeltà tra un libro e un film, semmai il contrario, qui il problema è che si sono travisate del tutto le intenzioni di partenza e soprattutto si è sprecato del materiale che avrebbe potuto superare il romanzo: Mordini fa della fabbrica un debole controcanto a una storia adolescenziale ripresa con occhio morbosetto, che sta attaccato – secondo vieti dettami neorealistici – alla seduzione delle protagoniste e non le rende mai veri personaggi, come la fabbrica, luogo quasi neutro, prima che un’improvvida e gratuita tragedia faccia pensare alla critica. Invece Acciaio è un fallita operazione di consenso culturale che sbaglia gli stessi mezzi con cui condurla, dal costante uso di canzoni e musiche da serie tv a una Vittoria Puccini decisamente fuori posto. Come un libro che dal suo scaffale finisce in quello dei dvd.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.