Alanis Morissette, il bel ritorno tra il pubblico di Roma

Il Festival di Villa Arconati alla sua Penultima Data con Patti Smith
26 Luglio 2012
IN VIAGGIO CON CAPOSSELA. La Tappa Romana del Tour “Rebetiko Gymnastas – esercizi allo scoperto”
2 Agosto 2012

Alanis Morissette, il bel ritorno tra il pubblico di Roma

Live all’Auditorium, Morissette ritrova il grande pubblico prima del nuovo album in uscita ad agosto.

Mancava dalle scene da 4 anni Alanis Morissette, e da Roma ancora di più, visto che l’ultima data italiana era al Heineken Jammin’ Festival nell’anno dell’ultimo disco (Flavour of Entanglement). Con il nuovo Havoc and Bright Lights, la canadese torna alla carica per cercare di recuperare il feeling col grande pubblico che dopo Jagged Little Pill e il suo successore Supposed Former Infatuation Junkie ha faticato a presentarsi. E per darsi un nuovo via, Morissette affronta il palco con un mini-tour di 4 date italiane che fa tappa anche nel bell’impianto all’aperto della cavea dell’Auditorium di Roma.

Pubblico emozionato che affolla tutti i posti a disposizione e accoglie con grande calore la cantaturice che fin dai primi brani dimostra di voler convincere i fan e non solo con una prova fatta di comunicatività, a supplire qualche carenza vocale e di amplificazione nei brani iniziali. La scaletta, come prevedibile, vela ancora di mistero il nuovo album, presentato con pochi brani tra cui il bel singolo Guardian, e ovviamente si concentra sui singoli di maggior successo, sulle canzoni che le hanno fatto vendere circa 60 milioni di copie nel mondo.

In quasi due ore, Morissette inanella una prestazione in crescendo che assieme a Hands Clean, So Pure, Citizen of the Planet, mette in fila le canzoni che fanno cantare i fan e che vengono praticamente tutte dal primo disco (se si escludono gli albori dance noti solo in Canada): You Oughta Know, Hand in My Pocket, You Learn, All I Really Want, la splendida Forgiven, Head over Feet e Ironic, vero e proprio inno dell’artista che il pubblico canta quasi a sovrastarla. L’amore del pubblico raggiunge l’apice in Thank You, primo bis e atto d’amore verso il suo pubblico che sceso dalle sedie e accalcatosi sotto il palco la saluta con centinaia di pezzetti di carta, trasformati in coriandoli.

Se la prova di Morissette è piena di vigore, anche se non sempre all’altezza della sua fama, va sottolineato il gran feeling con la sua nuova band, a cui giustamente la canadese lascia molto spazio, tutto il finale in pratica, per prendersi gli applausi che il loro talento merita. Ed è giusto che sia così: la mancanza di divismo che le fa lasciare il palco senza dover tornare in cerca di facile gloria è la testimonianza di un’artista umile e caparbia che sa unire il percorso musicale a quello umano. Ringraziando, anziché farsi ringraziare.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.