Il Glam è Morto. “Rock of Ages” è Anche Colonna Sonora.

Erykah Badu Incanta Villa Arconati. Il Live Della Regina del Soul per Four Magazine
10 luglio 2012
Paolo Nutini: dall’Italia alle Olimpiadi, un artista senza limiti.
15 luglio 2012

Il Glam è Morto. “Rock of Ages” è Anche Colonna Sonora.

L’atto di filmare la musica e renderla la vera protagonista di una produzione cinematografica è una passione non nuova al regista Adam Shankman, che nasce come coreografo e ballerino. Dopo la prima esperienza con “Hairspray” nel 2007, eccolo tornare nelle sale con una trasposizione cinematografica del musical di Broadway “Rock of Ages” con un cast stellare che comprende Tom Cruise, Catherine Zeta-Jones, Alec Baldwin, solo per citarne alcuni.“Rock of ages” nasce come omaggio alla paiettatissima scena rock degli anni ’80, quella del glam rock, dell’esasperazione del look e delle sonorità dell’hard rock anni ’70, anni di punta dell’immagine, della scenograficità, dove la parola chiave era “Esagerazione”. Un’epoca che avviava il mondo della musica verso la dominazione discografica del pop.

Un musical rock strabordante di canzoni simbolo che fanno vibrare le corde dei più nostalgici, ma che lasciano l’amaro in bocca ai più cinici. Fin dalla nascita del fenomeno glam c’è stato chi ha storto il naso di fronte a questo genere che seguiva la tradizione trasgressiva degli anni precedenti, ma che portava all’eccesso: si passava dal nero dell’hard rock allo sdoganamento del fucsia, dei boa piumati, delle zeppe argentate. Analizzando la soundtrack di “”, distribuita da Sony Music, si percepisce all’istante come sia intrisa di malinconia per un’epoca d’oro destinata però a una decadenza prematura; un genere limitato al suo decennio di cui si possono riascoltare le vibrazioni solo in qualche stazione radio locale americana. Capisaldi come i cotonatissimi Poison, i truccatissimi Twister Sister, gli Scorpions con pelle e borchie, simboli indiscussi del glam rock, che lasciano posto pian piano a gruppi con sfumature che si avvicinano verso quel ciclone culturale che da lì a poco sarà il pop commerciale degli anni ’90 come gli Extreme, Bon Jovi e gli ultimi colpi di Journey e Foreigner, dediti ormai a sonorità pompeggianti. Un mix di hits che riportano i colori dell’epoca, che testimoniano la vivacità degli ‘80s, ma che tendono a rimanere un fenomeno isolato, bruciato subito dal repentino cambiamento della richiesta e del mercato. Shankman mette in scena i sogni di due giovani musicisti con il sogno di diventare rockstar e la decadenza di una vera rockstar interpretata da Tom Cruise che, nei panni del rocker Stacee Jaxx, incarna la decadenza personale del musicista a cui fa da sfondo quella del trentennio d’oro della musica. Dopo le decadi paradisiache dei ‘60s e dei ‘70s, infatti, ecco subentrare con irruenza l’immagine, il video che ha portato inesorabilmente la qualità musicale a diventare succube della qualità visiva e il ruolo di Cruise si mostra come metafora di questo declino.

La visione di questo ciclone glam è vista come conseguenza naturale dell’hard rock anni ’70, come una sua evoluzione; in realtà è evidente quanto fossero distanti quegli anni dalla vera cultura rock che furono i due decenni precedenti che erano ancora lontani dalla supremazia delle etichette, da un rock più “innocuo” nato maggiormente dalla spinta delle richieste radiofoniche. Il tramonto, ma non la morte, del rock si percepisce con l’inserimento nella tracklist di musiche che traggono sì ispirazione dall’hard rock, ma che intraprendono la strada dell’ “orecchiabile”, delle esigenze del nuovo pubblico.Gli anni ’80 sono stati anni di trasformazione, anni pieni in ogni campo, dell’esasperazione, dell’esagerazione e questo film riporta quell’atmosfera del “tutto è concesso” e con tutte le sue controversie e contraddizioni ci riporta comunque in un’epoca lontana di cui non sentiamo più il calore perché troppo lontana dai fittizi anni 2000.

Comunque sia andata, c’era il rock e Shankman ce lo fa vedere con i suoi occhi.

TRACKLIST:

Paradise city – Guns ‘n’ Roses

Sister Christian- Night Ranger

Just like paradise – David Lee Roth

Nothing but a good time – Poison

Juke box hero – Foreigner

I love rock ‘n roll – The arrows

Hit me with your best shot – Pat Benatar

Waiting for a girl like you – Foreigner

More than words – Extreme

Heaven – Warrant

Wanted dead or alive – Bon Jovi

I wanto to know what the love is – Foreigner

I wanna rock – Twister Sister

Harden my heart – Quarterflash

Shadows of he night – Pat Benatar

Harden my heart – Quarterflash

Here I go again – Whitesnake

Can’t fight this feeling– Reo Speedwagon

Any way you want it – Journey

Every rose has its thorn – Poison

Rock you like a hurricane – Scorpions

Don’t stop believin’ – Journey

Articolo di Eleonora D’Andrea

 

 

Comments on Facebook

Comments are closed.