Macro, Via Nizza: Botta e Cintoli

Flussi, ovvero Tutto il Cinema che in Sala non c’è: I Don’t Want to Sleep Alone di Tsai Ming-liang
20 Giugno 2012
Gramellini, Thayil, Celestini per l’ultimo appuntamento di “LETTERATURA”
21 Giugno 2012

Macro, Via Nizza: Botta e Cintoli

Il MACRO, Museo di Arte Contemporanea a Roma, di Via Nizza, si prepara ad ospitare le prime due importanti mostre personali sia per l’artista Gregorio Botta che per Claudio Cintoli. Le due personali verranno inaugurate il 21 Giugno e saranno aperte al pubblico fino al 2 Settembre 2012.

Botta presenterà “Rifugi”, nella Project Room2, in cui il fuoco, la malleabilità della cera, la trasparenza del vetro, la rigidità del ferro costituiscono gli elementi fondanti della sua ricerca.  Ma soprattutto, è l’acqua ad essere protagonista: sorge e attraversa le opere, “Le case” che accolgono i segni dell’uomo. Le installazioni evocano un nesso – profondo – tra la vitalità primigenia dell’acqua e l’intensità della parola. Una teoria di sculture in metallo si profila lungo pareti, come fossero i tempi di una sinfonia per pianoforte. Sono variazioni e fughe, sono i singoli elementi che vanno a comporre l’installazione come un unico movimento sinfonico. Le sculture che l’artista chiama “Lari”, sono case, custodi di antiche memorie. Gregorio Botta va a comporre così un unico ambiente, che avvolge lo spettatore attivando nuove visioni e prospettive.

Mentre per l’eclettico Cintoli, pressola Sala Bianca, presenterà “L’immagine è un bisogno di confine”. La mostra sarà curata da Ludovico Pratesi e Daniela Ferraria, che intendono documentare i differenti aspetti della produzione dell’artista: dalla pittura alla scultura, dalle installazioni alle performance. La rassegna riunirà circa quaranta opere attraverso le quali il lavoro di Cintoli viene messo a confronto con il contesto artistico e culturale internazionale degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso. Un percorso che inizia con una sezione dedicata alla produzione pittorica e che include i primi dipinti figurativi e informali degli anni Cinquanta, le tele realizzate con tecniche miste sperimentali di matrice pop e le opere iperrealiste degli ultimi anni, raffiguranti soggetti legati al tema della personalità artistica come ossessionata dall’ambiguità tra vita e morte, libertà e costrizione, corpo e anima. Si passa poi alla sezione dedicata alle sculture. La mostra si conclude con la documentazione dei murali realizzati nel corso degli anni Settanta, tra i quali spicca il grande pannello per il Piper, storico locale di Roma.

 

INFO PUBBLICO

MACRO

via Nizza 138, Roma

Orario: da martedì a domenica, ore 11.00-19.00 / sabato: ore 11.00-22.00

(la biglietteria chiude un’ora prima)

 

Da martedì a domenica dalle ore 11.00 alle ore 21.00 apertura dei cancelli (via Nizza 138 e via Reggio Emilia 54) per accedere agli spazi liberi: foyer, Hall, ristorante, caffetteria, terrazza e spazio Area.

 

MACRO Testaccio

piazza O. Giustiniani 4, Roma

Orario: da martedì a domenica, ore 16.00-22.00

(la biglietteria chiude 30 minuti prima)

 

 

INGRESSO

MACRO via Nizza

Tariffa intera: non residenti 8,50 €, residenti 7,50 €

Tariffa ridotta: non residenti 6,50 €, residenti 5,50 €

 

MACRO Testaccio

Tariffa intera: 5 €

Tariffa ridotta: 3 €

 

MACRO via Nizza + MACRO Testaccio

Tariffa intera: non residenti 11 €, residenti 10 €

Tariffa ridotta: non residenti 9 €, residenti 8 €

Comments on Facebook

Comments are closed.