L’ultimo Romantico che c’è in Mario Venuti: Four Magazine Incontra il Cantante Italiano

Madonna a Milano: la Regina del pop Elogia i fan Italiani.
17 Giugno 2012
Four Magazine Incontra gli Hooverphonic. Il 29 Maggio è Uscito il Nuovo Album “Hooverphonic with Orchestra”
21 Giugno 2012

L’ultimo Romantico che c’è in Mario Venuti: Four Magazine Incontra il Cantante Italiano

È attaccato all’essenza delle cose, al bello, all’arte, alla poesia, alle cose che fanno bene, il Mario Venuti che abbiamo incontrato noi di Four Magazine. Il suo nuovo album, che tutto ha fuorché l’essere uno scontato lavoro che parla d’amore, dimostra quanto il cantautore italiano si sia rimboccato le maniche e abbia analizzato l’Italia e gli italiani di oggi. È un artista stanco di vedere le stesse cose, politicamente e socialmente parlando. Rinuncia alla televisione, predilige le cose che fanno bene, e in un certo senso vuole rendersi paladino di questa possibile scelta di vita, e che vuole quindi staccarsi dalla realtàche stiamo attraversando.

Cos’è per te che va al di là della realtà che stiamo attraversando?

Beh sicuramente tutto ciò che evade da quello che siamo abituati a vedere in televisione ad esempio. Abbiamo subito una sorta di schematizzazione, di classificazione ben precisa e inevitabile. Siamo tutti delle macchine che si muovono a suon di clacson, quando il semaforo è verde. Oggi qualsiasi cosa evada da questo tipo di realtà che vede la rassegnazione di fondo, è qualcosa che evade dalla realtà che stiamo attraversando.

Questo tuo lavoro discografico vuole porre al centro l’aspirazione al cambiamento. si può pensare ad un cambiamento che preveda l’amore come rimedio principale secondo te?

Guarda è una domanda difficile e sinceramente mi sento di dirti che non voglio rendermi il fautore di nessun tipo di rimedio o di medicina che possa dirti o dirvi come cambiare ed in che modo. È più una cosa soggettiva, come il bello.

A proposito del bello, cosa intendi per distinguere il bello dall’inutile? Cio che è bello può anche essere inutile, non trovi?

Infatti il bello è qualcosa di molto soggettivo, mentre la parola inutile fa pensare più a qualcosa di oggettivo. Sicuramente con inutile mi riferisco a tutto ciò che ci distrae, a quel trash o a quella fuffa di cui oggi facciamo tanto riferimento e che ci distraggono, appunto, da cose che invece meritano più attenzione. La bellezza è un linguaggio che devi imparare. si tende a cercare di soddisfare gli istinti e trionfa sempre il trash, kitch, le cose più scontate e banali che tutti hanno.

Comments on Facebook
Gabriele Palella
Gabriele Palella
Milanese, giovane ma già competente in quella che è la sua più grande passione: la musica. Milano. Lavora, compone e produce brani, scrive e partecipa a numerosi e diversi eventi a Milano e dintorni. Di sé dice: "credo in quello che faccio, spinto dalla bellezza e dalla forza della musica che unisce, crea, intrattiene ma, soprattutto, insegna. Io ci credo a questa forza...e voi, in cosa credete?"

Comments are closed.