Attack the Block – Invasione Aliena

TOP TEN AESVI Videogiochi più venduti 14 – 20 maggio 2012
30 Maggio 2012
Nasce il Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza per opere inedite
31 Maggio 2012

Attack the Block – Invasione Aliena

Attack the Block – Invasione Aliena

Da quando l’horror è diventato uno dei generi più amati dal pubblico, migliaia di mostri hanno invaso i nostri schermi (e i nostri incubi). Spesso però, entrando a far parte dell’immaginario collettivo, queste creature hanno finito per non essere altro che delle fotocopie, degli stereotipi, dei semplici cloni. Joe Cornish, sceneggiatore de Le avventure di Tin Tin, ha deciso di differenziarsi dalla massa per creare dei mostri che, pur richiamando i classici, avessero delle caratteristiche proprie, tali da renderli autonomi. Attack the block, infatti, altro non è che l’opera prima di un regista talentuoso destinato a lasciare il segno.

Londra. Mentre Sam, un’infermiera tirocinante, sta tornando a casa dal lavoro, viene aggredita e derubata da una banda composta da cinque teppisti incappucciati: Moses, Pest, Denis, Jerome e Biggz. La ragazza riesce a fuggire grazie ad un meteorite che si schianta sulla Terra, lasciando cadere un piccolo alieno. Per nulla impauriti, i cinque giovani si lanciano all’inseguimento della creatura e la uccidono, portandola in giro per il quartiere come un trofeo di guerra.  Mentre Sam e la polizia danno la caccia alla banda, una seconda ondata di meteoriti si abbatte sul loro blocco:  i fratelli dell’alieno ucciso sono approdati sulla Terra per cercare vendetta… Questa volta, però, non basteranno delle semplici armi per fermare una vera e propria invasione aliena.

Non era facile riuscire a realizzare una pellicola fantascientifica partendo da una sceneggiatura simile. Il rischio di cadere nel banale o nel ridicolo era molto alto e non era semplice riuscire a trovare la giusta chiave di lettura per interpretare gli eventi. Joe Cornish, però, forte dell’esperienza con il maestro Spielberg, ha evitato l’ostacolo e, attraverso sprazzi orrorifici e comici (spesso, demenziali) è riuscito a creare un prodotto di qualità.

Le creature mostruose sembrano essere frutto dell’accoppiamento tra “pesci e scimmioni” ma, nella “realtà” non sono altro che Gollum alieni. Neri come la pece, pelosi fino all’inverosimile e ciechi dalla nascita, possiedono denti aguzzi fluorescenti ed affilati da far invidia a Dracula. La rabbia assassina con cui cacciano gli umani è giustificata (?) dalla violenza che un loro simile ha ricevuto. Ennesima guerra tra gang, Moses e i suoi giovani amici dovranno vedersela con i Gremlins spaziali, per liberare il loro blocco dalla presenza aliena. Così, tra “poliziotti, gangster impazziti e mostri incazzati a bestia”, i giovani teppisti dovranno avere il coraggio di mettersi in discussione per trasformarsi in eroi.

Attraverso un montaggio rapido e frastagliato, in cui i dettagli la fanno da padroni e uno stile registico vivace e movimentato, Attack the block si configura come una pellicola accattivante e minacciosa che invita sarcasticamente gli spettatori a riflettere sulla necessità di rispettare le altre specie perché, nonostante le apparenze, potrebbero non voler necessariamente dichiararci guerra.

Comments on Facebook

Comments are closed.