Four Magazine Incontra i FINLEY. “Fuoco e Fiamme” è il Nuovo Album Oggi in Uscita nei Negozi e Store Digitali

“La Teoria dei Colori”, il Nuovo Album di Cesare Cremonini
28 Maggio 2012
La Magic Hour degli Scissor Sisters: il Ritorno della Band Newyorkese
1 Giugno 2012

Four Magazine Incontra i FINLEY. “Fuoco e Fiamme” è il Nuovo Album Oggi in Uscita nei Negozi e Store Digitali

Esce oggi nei negozi e negli store digitali “Fuoco e Fiamme“, il primo album prodotto interamente dai Finley con la loro nuova etichetta discografica “Gruppo Randa”. Il disco contiene 13 brani inediti, tra cui un duetto con Bennato e” Olympia(The sound of my nation)”, brano in inglese dedicato alle Olimpiadi di Londra 2012. Le prime copie ad edizione limitata di “Fuoco e Fiamme” conterranno in omaggio “Rock’n Experience”, uno speciale pass che permetterà ai fan di accedere alla community dedicata e di vivere esperienze esclusive con la band. Li abbiamo incontrati in esclusiva per voi.

E’ innegabile che staccandovi dalla EMI abbiate compiuto un giro di boa sostanziale, com’è nata l’idea di “Gruppo Randa” e quante difficoltà avete incontrato per realizzarla?

La EMI è stata senza dubbio una scuola di vita per noi, abbiamo imparato tantissimo sul palco. E’ un po’ come se la EMI fosse stata la nostra università” scherza Dani ” e adesso ci sentiamo laureati e pronti per muovere i primi passi da soli”, “Abbiamo voglia di metterci alla prova e ci sentiamo abbastanza pronti e, perché no, folli per farlo. C’è una forte amicizia che ci lega e siamo accomunati dalla stessa passione per la musica e per la voglia di rinnovo, anche se siamo consapevoli di star facendo un salto nel vuoto…E’ tutto molto impegnativo, non si tratta più di incidere un album ma di curare anche ciò che c’è dietro, dal controllo artistico alla copertina, dalle foto al marketing”. “Per non parlare poi delle difficoltà burocratiche che abbiamo incontrato…” sbuffa Pedro.

Non siete soli peró, nella produzione siete affiancati da Omar Pedretti e Guido Style (frontman e anima dei the Styles, nonché produttore di J-Ax e Biagio Antonacci)

“In realtà tutta la nostra squadra è composta da persone professionali che lavorano con il cuore, siamo ancora un po’ increduli al pensiero di aver messo su una baracca che funzioni così bene. Omar ci ha sempre seguito, guadagnandosi tutta la nostra stima e il nostro rispetto, ci ha aiutato a diventare quelli che siamo e la sua partecipazione a questo disco ci rende felici e orgogliosi. Con Guido 

siamo stati compagni di palco nel 2006, e da allora è nata un amicizia sfociata poi in questa collaborazione. Ci ha anche aiutato a ri-arrangiare “Neve”, un brano che avevamo scritto nel 2001 ispirato all.omonimo romanzo di Maxence Fermine, che racconta la storia di un’amicizia profonda vissuta in equilibrio su un filo di neve, il cui testo era accompagnato da una linea di pianoforte il cui testo ci sembrava incompleto. Guido l’ha mixato su una base elettronica stravolgendo il pezzo e dandogli la concretezza che meritava”

E la Rock’n Experience?

“Nella prima tiratura del disco sarà incluso un pass che permetterà di diventare a tutti gli effetti membri del movimento di Gruppo Randa, andando oltre il semplice ascolto passivo del cd e diventando soggetto attivo all’interno del movimento, venendo al concerto, entrando nel backstage e perché no, facendo magari anche parte dello show o di un videoclip”

Un quarto album quindi carico di novità e il primo dopo l’ingresso ufficiale di Ivan, nuovo bassista della band. Com’è nato questo incontro e in cosa vi ha arricchito?

Ivan: “Io sono contentissimo di essere entrato a far parte di quella che definisco una vera e propria famiglia, per me essere un Finley è un po’ come essere tornato a casa. Ci conoscevamo già da tanti anni e non ho avuto nessuna difficoltà ad entrare nel gruppo, anche i fan mi hanno accolto senza problemi.” Kà: “Dopo il distacco di Stefano (l’ex bassista della band,ndr) a Maggio 2010, non avevamo voglia di cercare un sostituto per paura di rompere l’equilibrio che c’era tra di noi, quindi abbiamo cominciato ad incidere l’album in 3: è in questa circostanza che abbiamo conosciuto Ivan e l’alchimia è nata da subito. Utilizza dei giri armonici diversi, la sua metodologia nel suonare il basso permette a me e Dany di semplificarci il lavoro. Un buon basso capace di reggere un riff di chitarra è essenziale. Abbiamo trovato il giusto equilibrio sia a livello musicale che durante la stesura dei testi, ora riusciamo a scrivere tutti insieme”

Un lavoro che coinvolge tutti quindi

“Assolutamente. Se nei cd precedenti eravamo abituati a lavorare separatamente ai pezzi per poi completarli insieme, in “Fuoco e Fiamme” abbiamo fatto un vero e proprio lavoro di gruppo frutto Dell’improvvisazione. Sentiamo nostro ogni brano e il messaggio che vogliamo lanciare attraverso esso, lo stesso che cerchiamo di trasmettere dai tempi di “Tutto è possibile”: uno sguardo positivo al futuro e la convinzione di poter cambiare le cose attraverso l’amore e la passione per ciò che si fa. In un periodo di crisi sia economica 

che di ideali questo di bebè essere il nostro punto d’arrivo, perché le cose cominciano a cambiare dal basso. Il fuoco e le fiamme sono quindi simboli di una rigenerazione, del nostro forte legame e della passione che ci fa andare avanti”

All’interno del cd c’è anche la gold track “Olympia”, brano dedicato alle olimpiadi 2012, e una collaborazione con Bennato in “il meglio arriverà”

“Si, Olympia è nata per gioco, Ka aveva buttato giù un paio di frasi in inglese Che ci sono piaciute e da li abbiamo composto la canzone. Siamo tutti appassionati di sport e siamo contenti di aver composto quest’inno caratterizzato da un sound più arioso per tifare i nostri atleti e magari far avvicinare i fan a questo mondo. Con Bennato avevamo già collaborato nel 2008 e da allora non ci siamo mai persi di vista. Da questa collaborazione abbiamo appreso tanto, siamo come delle spugne: l non ci ha mai imposto nulla, ci è venuti naturale avvicinarci di più al folk, si sente anche in un’altra canzone, “Bonnie e Clyde”, in cui si respira quell’aria blues. Ci siamo divertiti tantissimo a scriverlo vestendo i panni del gangster, non vediamo l’ora di andare in tour per poterlo suonare dal vivo”

Ecco appunto, il tour. Potete darci qualche anticipazione?

“L’inizio del tour è previsto il 29 Giugno a Bologna ma cercheremo di fare più tappe possibili, che saranno presto disponibili sulla nostra pagina Facebook e su Twitter. E’ previsto anche un tour invernale nei club perché abbiamo voglia di risalire sul palco, non lo facciamo dal 2007! Abbiamo già buttato giù la scaletta che sarà impegnativa sia a livello fisico sia a livello tecnico, non vediamo l’ora di incominciare a fare scatenare il nostro pubblico”

Comments on Facebook

Comments are closed.