Le Visioni Oniriche di Francesca Mariani

TOP TEN AESVI Videogiochi più venduti 7 – 13 maggio 2012
21 Maggio 2012
Cantanapoli torna a Roma! Il Musical con Giò Di Sarno
21 Maggio 2012

Le Visioni Oniriche di Francesca Mariani

Martedì 22 maggio dalle ore 19 Ghigliottina.it e LesFlaneurs.it vi aspettano a Le Mura (San Lorenzo, Roma) per un nuovo appuntamento di Music, books & food. L’occasione di questa nuova serata è la presentazione della mostra fotografica “Onirique”, di Francesca Mariani. La serata sarà accompagnata da un Dj set a cura di EM.

Figure oniriche, spesso solitarie, donne cariche di sensualità spirituale, uomini riflessivi in dialogo con se stessi.

Matrice concettuale è la metafora della matrioška, la grande bambola che racchiude altre bambole  tutte uguali  e diverse allo stesso  tempo per personalità,  dimensione,  dettaglio. Mondi concentrici a proteggerne l’essenza in-visibile, raggiungibile solo nel momento in cui l’essere   femminile   viene   fratturato,   fatto   a   pezzi,   aperto   a  metà   dall’irruzione   della coscienza.

Il percorso creativo e immaginifico r-esiste attraverso il dolore e la spinta alla vita, l’enigma che ci inaugura e ci interdice. Vita e morte coincidono nella sfera  inconscia del  Sogno:  non-luogo  in cui   le  identità si mescolano e  i  piani  spazio-temporali  si  disfano  in un gioco di  sovrapposizioni   in cui   la fantasia è regina.

Altro elemento costante è la città – casa – metropoli: paesaggio che accoglie questi ritratti interiori.

Una città che ne racchiude altre, molteplici e in divenire: una meta-città, metropoli mentale, rifugio,  meta da  raggiungere,  da oltrepassare o custodire come  ricordo,  mappa  ideale, attraversamento.

Figura umana, natura, città: tre universi caleidoscopici uniti da un legame indissolubile.

Distante da schemi stilistici e  correnti artistiche in voga,  c’è lo sviluppo di  un linguaggio d’avanguardia in cui l’impronta dell’artista è la sua indiscussa traccia autografica. L’osservatore, attraverso  il suo sguardo – filtro di esperienze vissute, è invitato a colmare quella parte di “non detto”, di celato tra rami, occhi, labbra, finestre, note musicali. Che il sogno abbia inizio…

Comments on Facebook

Comments are closed.