ERICA MOU – CONCERTO AL TEATRO PARIOLI

Esce il Nuovo Album di Madonna: MDNA è da oggi in tutti i negozi!
26 marzo 2012
Simple Plan all’Orion di Ciampino – I’m STILL just a kid!
30 marzo 2012

ERICA MOU – CONCERTO AL TEATRO PARIOLI

Erica Mou Incanta Roma nella Prima di Due Date Dopo Sanremo Social

ERICA MOU IN CONCERTO AL TEATRO PARIOLI

Seduta composta, quasi impettita su una sedia di legno. Resta pressoché immobile, con la chitarra in grembo e un tavolinetto a fianco. Erica Mou, nella prima data romana del suo tour a seguito del premio della critica (e secondo posto) a Sanremo Social, ha gioco facile a incantare il pubblico del teatro Parioli con nulla. La sua voce, i suoi enormi occhi che si fanno notare, assieme alle sue note, fino all’ultima fila, la dolce determinatezza delle sue canzoni.

A un anno dall’uscita di E‘, l’ album d’esordio di Erica Mou (se si eccettua Bacio ancora le ferite, a metà tra una prova generale e una demo), e a un mese dalla rivelazione sanremese, Erica dimostra una volta di più che esordiente è parola lontanissima da sprovveduta: il disco è prodotto da uno dei collaboratori di BjorkValgeir Sigurosson, e arrangiato da quel MajiKer che la segue sempre, col piano, il beat-box, i rumori. E il suo concerto è un viaggio dolcissimo dentro la sua musica, e dentro un immaginario che si fa strada nello spettatore come un faro che dissipa il buio, un percorso in cui in cui la voce vellutata si accompagna alla simpatia istintiva e adorabile della giovane artista.

Introdotto da Gabriella Martinelli – voce piena, pulita, duttile, tra atmosfera e canzone melodica – e aperto da Harem, il concerto percorre tutto il disco della pugliese per permettere a chi l’ha conosciuta solo per Nella vasca da bagno del tempo (che arriva puntuale, a metà concerto) di farsi un’idea del suo talento, che supera il puro valore cantautoriale, molto alto, e porta a una ricerca su suoni elettronici e rumori che ricorda – oltre alla citata cantante islandese – Regina Spektor (Oltre, uno dei gioielli dell’album), a un’atmosfera che s’immobilizza e si riempie solo della sua voce (come nel finale di Vorrei dirti un sacco di cose adesso), a una capacità comunicativa che con la mimica aggiunge nuovo senso alle parole (Epica).

Un volto che diventa un paesaggio nella splendida Vorrei vivere sul tuo collo, che esprime la passione in ogni nota di La neve sul mare, nell’humour che circonda il suo rapporto col pubblico in E‘. E che la porta a cantare un bis senza microfono e amplificazione, la semi-inedita Sincronia, seduta dal palco, gambe penzoloni. Prima di chiudere con , lasciare il pubblico in balia del suo accento buffo e tenero che nasconde una voce tra le più preziose e incisiva della musica giovane, con la voglia di sentire altre canzoni, scoprire altre gemme del suo tesoro. In attesa quindi del prossimo album, che lei stessa darà nelle mani dei fan, come fa ogni sera, dopo essersi guadagnata l’applauso del pubblico.  E la sua stima, per non dire qualcosa di più intimo, come l’affetto.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.